PostHeaderIcon Pescivendola

14 ottobre

Solida e sicura, A Go Go, a oltre nove nodi, fende l’onda corta e ripida. Abbiamo impostato la rotta a 270°. Siamo in navigazione per Milos. In vento da N-NO ci fa procedere di bolina larga. Al timone ripenso ad una simpatica immagine che mi é rimasta nella memoria. Il pescivendolo di Amorgos smonta dal suo furgone e soffia in una grossa conchiglia provocando un suono simile alla sirena da nebbia di una nave. Il gesto ci ricorda molto le isole Marchesi. Qui, é il modo che hanno i venditori ambulanti per radunare attorno a sé i potenziali clienti, fra i quali - nel caso del pescivendolo - figura anche una mezza dozzina di gatti che, pazienti, attendono accovacciati un boccone. Giorgio dimentica per un attimo il suo dolore alla caviglia e con l’acquolina in bocca si avvicina al furgone immaginando già, nella sue mente gastronomica, una bella zuppa di pesce. Soltanto a trattative concluse, quando vedo Giorgio allontanarsi soddisfatto col suo sacchetto, mi accorgo che in realtà il pescivendolo é una pescivendola dalle caratteristiche piuttosto androgine.

 

Romano

 
Banner