PostHeaderIcon Lo spirito giusto per una vacanza in barca a vela

 

In vacanza non é facile uscire dai ritmi scanditi dalla vita cittadina. Di solito, chi ci raggiunge, pianifica il tempo e ottimizza le risorse come se ancora stesse al lavoro. La paura é quella di non fare in tempo a vedere tutto. Ora, tra l’avere tutto sotto controllo e sapersi godere la vita c’é una bella differenza. Lo spirito che anima la vacanza in barca a vela é simile a quello di chi vagabonda con lo zaino in spalla : per quanto si possa programmare e stilare tabelle di marcia, sono le bizze del tempo e le coincidenze che fanno la sostanza. L’ideale é affrontare la navigazione come farebbe un bambino di cinque anni, guardare al mondo con rinnovata sorpresa e riappropriarsi di una più umana dimensione del tempo. Il viaggio vero é quello che si vive strada facendo, con le sue incognite, le sue sorprese e i suoi ritmi, di regola più lenti e dilatati di quelli a cui si é abituati.  Per mare, punti di partenza e mete servono solo a delineare una distanza approssimativa, un “qui” e un “là”, sulla mappa nautica. Ma quello che dà corpo all’esperienza di percorrere una rotta spinti dal vento é la consapevolezza di vivere e assaporare un momento particolare della nostra vita in totale libertà, in uno spazio sconfinato e al ritmo del mare. È a questo punto che ci accorgiamo di esserci lasciati qualcosa alle spalle, di esserci arricchiti e di poter finalmente puntare lo sguardo verso nuovo orizzonti.

La rotta di A Go Go nel 2019 sarà la seguente :